• Benvenuti su RaspberryItaly!
Benvenuto ospite! Login Login con Facebook Registrati Login with Facebook


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

[-]
Tags
un su richiesta come casa da di aiuto impianto videosorveglianza creare per

Richiesta di aiuto su come creare un impianto di videosorveglianza per casa da
#1
Buongiorno,

mi chiamo Super Mario e sono nuovo nella vostra comunità.
Siccome è da un po' che ci sto pensando a creare un impianto "artigianale" di videosorveglianza per casa, ho deciso di googlare e sono arrivato fino al vostro forum.
Prima d'ora  non avevo mai sentito parlare di Raspberry'. Leggendo un po' in giro ho capito che Raspberry dovrebbe essere una specie di computer tascabile utilizzato per gli usi più diversi e quindi  "comandare/automatizzare anche delle telecamere (IP o USB) collegate in modalità wifi o USB e che si possono controllare anche da remoto. Mi sono iscritto a questo forum in quanto vorrei, se possibile, che qualcuno mi guidasse, gentilmente, passo passo, alla realizzazione  di un sistema di videosorveglianza per la casa.
Grazie mille per il vostro aiuto
Buona serata

Super Mario (o per fare prima S. M.) Wink
Risposta
#2
RaspberryPi è un computer completo, il cui scopo è essere il più economico possibile per essere accessibile a più persone possibili per l'insegnamento della programmazione e del physical computing.
Naturalmente, ha qualche limite se parliamo di prestazioni pure.
Ad esempio, con le webcam usb non riuscirai a ottenere più di qualche frame al secondo. Mentre con il suo modulo camera (che si connette direttamente alla GPU e può usarne l'accelerazione hardware) puoi arrivare a 1080p a 30fps.
Tutto dipende da che tipo di installazione e implementazione vuoi ottenere. Se con più ipcam, magari motorizzate, considerando l'abbassamento dei prezzi vertiginoso che hanno avuto questo tipo di prodotti negli ultimi 2 anni, puoi prendere ipcam orientali (che costano oramai poche decine di euro) e gestirle da un NVR dedicato (un 8 canali può costare meno di un RaspberryPi).
RaspberryPi sarebbe più versatile (opportunamente programmato, può inviarti notifiche in ogni modo possibile, o attivare qualsiasi cosa in base a un evento), ma io ho valutato più affidabile la soluzione commerciale, seppur fai da te.
Risposta
#3
Grazie mille Zzed,
cosa intendi dire quando dici "io ho valutato più affidabile la soluzione commerciale, seppur fai da te."?
Se non ho capito male il Raspberry offre più funzioni rispetto al registratore IP (NVR)?
Ma secondo te può essere difficile per un principiante cimentarsi con un Raspberry? E cosa dovrei comprare per iniziare a cimentarmi? penso che adesso mi servirebbero due telecamere piccole, una all'interno dell'appartamento e l'altra fuori da usare tipo spioncino(solo che non saprei dove piazzarla) sul pianerottolo non penso si possa piazzare.(è poi non so dove)
Esiste qualche guida semplice da leggere per incominciare? Inoltre se non ho capito male il raspeberry essendo piccolo sarebbe trasportabile da un appartamento ad un altro? Io ad esempio ho un grosso Powerbank potrebbe essere utile per alimentare il raspberry e una telecamera collegata al raspberry via USB?
Che tipo di spesa ci sarebbe da sostenere per iniziare a cimentarmi?
Grazie mille
Buona serata
S. M.


Inviato dal mio ONEPLUS A3003 utilizzando Tapatalk
Risposta
#4
Che a casa mia ho preferito ipcam + nvr piuttosto che una soluzione basata su RaspberryPi. Questo perché non avevo voglia di tribolare troppo con motion ecc..
Un RaspberryPi è un computer, quindi è più versatile per definizione : puoi istruirlo per fare qualsiasi cosa.
Gli nvr (network video recorder) di nuova generazione costano dai 30/40 euro, sugli store cinesi, e sono basati su Linux o Android.
Se RaspberryPi può essere complicato per un neofita? Dipende : il progetto che hai in mente non è proprio il primo che uno realizza con RaspberryPi, se hai un po' di dimestichezza con l'informatica, le reti e Linux, potrebbe essere anche facile. Altrimenti porterà dei mal di testa.
Una telecamera consuma circa 5W,il RaspberryPi 5-10W.
Le prestazioni di rete di RaspberryPi sono abbastanza scarse (qualche decina di Mbit/secondo) se usi flussi video con discreta banda e le telecamere sono diverse, potrebbero non bastare.
Il problema, quasi mai considerato in questo tipo di progetto, è la focale delle camere. La camera che deve riprendere a 20m è quella da spioncino a 1m, non possono avere la stessa ottica. Occorre cercare modelli che abbiano delle ottiche intercambiabili in vetro.
In sostanza ti servono:
-Telecamere (lascia perdere quelle WiFi : tanto devi portarci il filo per alimentare, tanto vale portarci anche la rete)
-alimentatori per telecamere
-nvr (o raspberrypi) : si occuperà di registrare su disco secondo le tue preferenze, unire il flusso di più telecamere in un unico pannello di gestione, dare un unico punto di accesso per tutte le Cam.
-ethernet switch, (opzionale a seconda della tua rete) per collegare tutte le cam e l'nvr.
L'nvr non è indispensabile, è comodo se hai 3/4/8 camere..
A titolo solo di esempio, per farti una idea dei prezzi
NVR 8chcirca 30 euro dalla Germania
IP cam Onvif dai 13 ai 18 euro circa, dalla Cina
Risposta
#5
Grazie mille,
inizierò a studiare un pochettino prima di decidere per un sistema con nvr o Raspberry
Grazie ancora
Buona notte
S. M.

Inviato dal mio ONEPLUS A3003 utilizzando Tapatalk
Risposta
#6
Buongiorno! Grazie ZZed,
ho dato uno sguardo alle telecamere che mi hai indicato (stavo pensando a qualcosa di più compatto e che si potesse facilmente spostare da un ambiente ad un altro) volevo chiederti un parere.
Il sistema di videosorveglianza casalingo che ho in mente dovrebbe essere abbastanza mobile, nel senso da poterlo trasportare anche in un altro locale, per cui non penso di utilizzare le ipcam che si attaccano al muro ma piuttosto 3/4 ipcam della grandezza di un cubo(sai il famoso cubo magico? ) da poter magari mettere sulla libreria o su un mobile e stavo pensando ad una ipcam delle dimensioni di una moneta da 1€ da poter mettere fuori alla porta (sullo stipite, perché non saprei dove altro piazzarla. Esiste una telecamera così piccola autoalimentata e WiFi? solo che poi come si fa a caricare le batterie? )
per le camere interne all'appartamento le potrei attaccare alla presa di corrente per cui dovrebbero supportare con un unico cavo sia la corrente che il flusso video.
Per quanto riguarda il registratore NVR a 8 canali che significa che si possono collegare 8 camere oppure il numero di camere collegabili dipende dalla risoluzione di ciascuna camera?
Inoltre le telecamere dovrebbe essere visibili da remoto, da smartphone sia alla bisogna e sia quando la telecamera avverte qualche anomalia/intrusione mi manda il video sul cellulare.
È fattibile tutto questo o sto chiedendo l'impossibile?
Grazie mille
Buona giornata
S. M.

Inviato dal mio ONEPLUS A3003 utilizzando Tapatalk
Risposta
#7
Naturalmente, che tipo di hardware scegliere dipende dal tipo di "implementazione" che vuoi ottenere. Il mercato offre molti modelli, per quelle "da tavolo" o fisse, in linea di massima spenderesti di più a autocostruirla che a prenderla già fatta (questo volevo dire).
L'autocostruzione qui ha senso se vuoi prestazioni particolar e non standard (osservare all'ultravioletto per capire lo stato delle piante, o creare una smart camera dotata di intelligenza artificiale capace autonomamente a riconoscere volti, cani, gatti, espressioni con il Vision Kit di AIY Projects e un RaspberryPi Zero).
Poi non credo esistano modelli a batteria (la batteria durerebbe poche ore) o con power line integrato. Ne esistono senza dubbio WiFi, che però basta un jammer (o più banalmente in radiocomando di un drone giocattolo opportunamente modificato) per offuscare il segnale WiFi e renderle così inutili dal punto di vista della sicurezza.
Quella sulla porta, in effetti ha senso realizzarla con RaspberryPi (magari zero) e cam miniaturizzata, perché tale misura è molto meno facile trovarla sul mercato.
Ad esempio una tipo questa + un RaspberryPi Zero (se WiFi) o zero + interfaccia usb-ethernet se in cavo, e puoi ritrasmettere il video nella tua rete.
SI, nvr 8 canali significa che può gestire 8 ingressi, alcuni, se riduci la risoluzione, ti permettono di gestire più canali. Dipende dal software. Ma a sto punto a te non serve un NVR, se la vuoi portatile, non puoi ogni volta cambiare le impostazioni sul nvr magari perché cambia IP. Ci sono camere che possono registrare su sd e contemporaneamente dare il flusso in WiFi o rete cablata o entrambe.
Risposta
#8
Grazie Zzed,
ma per costruire una videocamera microscopica (mi riferisco a quella da montare sullo stipite della porta incollandola allo stipite stesso) con Raspberry, se non ho capito male, ci sarebbe bisogno sia di Raspberry PI(che a seconda se ha la scheda WiFi o la porta USB assume un nome diverso?) che di un modulo telecamera da assemblare al Raspberry esatto? Ho visto il modulo telecamera che mi hai postato, ma non riesco a capire quali sarebbero le dimensioni di questa telecamera creata con il Raspberry, quanto un pacchetto di sigarette?
Ovviamente costruire una telecamera così, non è così immediato in quanto bisogna installare sul Raspberry sia il sistema operativo che l'applicativo per far funzionare la telecamera(che se non ho capito male si chiama Motion esatto? o sono fuori strada Smile )
Ma anche se io riuscissi nella difficile impresa di costruire una così piccola camera, comunque per piazzarla sopra lo stipite della porta d'ingresso di casa, dovrei portare il cavo dell'alimentazione fuori dalla porta, quindi dovrei fare dei fori nel muro.
In buona sostanza io pensavo di costruire qualcosa che non abbisognasse di fori nei muri.
In quanto nell'appartamento posso piazzare delle camere ip(che hanno la scheda SD) vicino alle prese di corrente e collegarle via WiFi al router, (le telecamere ip si vendono già col software da installare sul cellulare con Android per vedere da remoto?) e per cui non porterei cavi in quanto le collegherei via WiFi, il problema è per la telecamera sopra la porta, che essendo fuori dall'appartamento(non essendoci nessuna presa di corrente) bisognerebbe fare un foro nel muro per far passare un cavo di corrente e alimentare la fotocamera costruita con il Raspberry.
Forse mi conviene prima cimentarmi con le telecamere piazzate all'interno dell'appartamento e poi quando acquisisco un po' di esperienza, pensare alla telecamera esterna.
Grazie ancora
S. M.


Inviato dal mio ONEPLUS A3003 utilizzando Tapatalk
Risposta
#9
Si, più o m meno a tutte le domande.
Al momento, in produzione, vi sono i modelli RaspberryPi 3 e RaspberryPi Zero (anche in variante W, con WiFi e WH, con WiFi e connettore gpio presaldato).
Vedi qui la traduzione della rivisita ufficiale, per avere le informazioni di base, ivi comprese le dimensioni dei RaspberryPi.
Purtroppo, un camera a batteria, richiederebbe una batteria più grande di lei per funzionare una giornata.
Se compri una camera commerciale, il consiglio è quello di sceglierne una aderente allo standard ONVIF, in modo da non avere problemi a trovare il software compatibile.
Risposta
#10
Ok, grazie mille Zzded,
Un caro saluto
S. M.

Inviato dal mio ONEPLUS A3003 utilizzando Tapatalk
Risposta
  


Vai al forum:


Navigazione:
Forum con nuovi Post
Forum senza nuovi post
Forum bloccato
Forum Redirect